Friuli Venezia Giulia Puglia Piemonte Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Friuli Venezia Giulia Friuli Venezia Giulia Toscana Toscana Marche Lazio Abruzzo Sardegna Sardegna Sardegna Sardegna Puglia Puglia Puglia
chiudi


Palzzolo dello Stella - Udine

Anno di Fondazione: 1850

Proprietà: L'azienda agricola divenne proprietà della famiglia Bassani negli anni 50.

Enologo: Enol. Luigino De Giuseppe

Ettari vitati: L'azienda si estende su una superficie di 74 ettari, 50 dei quali coltivati a vite.

Numero bottiglie: 250.000

PDF Scheda Pdf

AZIENDA AGRICOLA ISOLA AUGUSTA

L’Azienda Agricola Isola Augusta, di proprietà del Dott. Massimo Bassani, si estende per 74 ettari tra il Tagliamento e il fiume Stella, esattamente a “Palazzolo dello Stella” in provincia di Udine in Friuli Venezia Giulia.

L’Azienda, da sempre attenta all’impatto ambientale, negli ultimi anni si è ulteriormente impegnata su questo fronte adottando le migliori e più avanzate tecnologie: sono stati installati pannelli fotovoltaici, che forniscono energia elettrica a tutte le strutture nel massimo rispetto dell’ambiente, un sistema di riscaldamento geotermico e un sistema di produzione di vini altrettanto avanzato ed eco-sostenibile. E’ per questo che per Massimo Bassani “Naturalmente” Isola Augusta è una filosofia di vita, l’obiettivo della produzione e un impegno per un mondo più sano.

L’idea di avviare una produzione di vini di alta qualità venne a Renzo Bassani, papà di Massimo, quando, negli anni Cinquanta, acquisì l’azienda “Isola Augusta” situata a Palazzolo dello Stella, fondata nel 1861, imprimendole una nuova vitalità. Agli inizi si allevavano molte mucche, vi erano mungitrici automatiche e il latte veniva trasformato in formaggio nel piccolo caseificio e venduto con il marchio aziendale. Si cominciò poi a produrre il vino, complice il fatto di aver assaggiato il contenuto di alcune bottiglie nascoste gelosamente sotto la sabbia dal mezzadro che viveva all’Isola Augusta.

Dopo la seconda inondazione del Tagliamento che aveva decimato il bestiame, il padre Renzo, credendo nel segno del destino, abbandonò il bestiame e si concentrò sulla produzione di vino di qualità. Il progetto di Renzo Basssani prevedeva di tenere sotto controllo l’intero processo, dalla campagna alla bottiglia, smettendo così di coltivare l’uva solo per la rivendita.

Negli anni ’70 Luigi Veronelli, il giornalista che più di ogni altro ha concorso a determinare la crescita dell’immagine dei vini italiani, e successivamente divenuto un buon amico di famiglia, “Ricevendo alcune bottiglie da assaggiare per un giudizio, rispose attraverso le colonne di un importante settimanale attribuendo ai nostri vini valutazioni eccellenti” racconta Massimo Bassani in una testimonianza raccolta da Ercole Gino Gelso. Oggi, egli ringrazia il padre di avergli lasciato quel piccolo ma prezioso gioiello, di cui iniziò ad occuparsi nel 1972, mentre stava ancora studiando per la laurea in giurisprudenza.

Massimo Bassani, attuale proprietario e responsabile di produzione dell’Azienda, ricorda così l’avventura imprenditoriale del padre in un’intervista rilasciata a Francesco Antonini per la rivista Friuli da Bere: “Papà veniva da Venezia, a faceva l’assicuratore. A Trieste fu presidente di importanti società […]. La terra e il vino erano una sua passione, un giorno visitò Isola Augusta e se ne innamorò” All’ingresso del centro aziendale campeggia la scritta Vinovivo.

PRODOTTI